Il nuovo approccio alla tavola di RetroBottega

By 24/08/2020News

Il 26 Agosto il Ristorante di RetroBottega a Roma ricomincia il servizio con la cena, grazie a un’idea di menù completamente nuova, che ruota attorno ai singoli ingredienti, sviluppati e manipolati in piatti da scoprire di volta in volta, affidandosi quasi a occhi chiusi all’estro di Alessandro Miocchi e alla sua sensibilità gastronomica. Un originale e nuovissimo concept in cui al centro dell’offerta c’è la grande materia prima scelta dagli chef Miocchi e Lo Iudice, lavorata e costruita con tecniche e abbinamenti tesi a estrapolarne e a esaltarne la sua natura e le sue caratteristiche.

Da Retrodelivery a RetroPizza

Mai fermi Alessandro Miocchi e Giuseppe Lo Iudice, gli chef mente e anima del progetto RetroBottega, che, dopo il lancio dell’e-commerce Retrodelivery e il temporary format RetroPizza, ora sono pronti a stupire con un nuovo progetto, che segue sempre le orme concettuali di RetroBottega, ma che viene modulato nell’intento di evolvere la proposta di cucina del ristorante e di renderla ancor più contemporanea.

RetroPizza, nel frattempo, non si ferma, ma continua a vivere nel locale RetroVino, con nuove pizze e nuovi abbinamenti, che, come sempre, cambiano di mese in mese, seguendo la reperibilità delle migliori materie prime dei produttori e dei contadini selezionati da Miocchi e Lo Iudice.

Il progetto

Abbiamo pensato a una sorta di ‘lista della spesa’, piuttosto che a un nuovo menù che spieghi i piatti”, racconta Alessandro Miocchi. “Il cliente sceglie il prodotto e si affida al nostro racconto, che lo interpreta sempre attraverso un processo creativo personale, che ci permette di essere più liberi e al contempo di esaltare le materie prime della stagione”. E così ci saranno narrazioni sul Peperone, sul Pomodoro, così come sullo Sgombro o sull’Acciuga, sul Piccione… storie da portare sulla tavola e nel piatto dell’ospite che, a sua volta, dovrà decidere di affidarsi “al buio” all’interpretazione della cucina. Una sorta di blind tasting, dove però nulla è nascosto, ma piuttosto, analizzato e sviluppato secondo le mani e la testa degli chef, con un unico fine: creare un nuovo approccio alla tavola, rinnovando l’esperienza RetroBottega.

L’importanza di ortaggi e verdure

Ci piaceva iniziare con un pasto nuovo, perché in questo periodo, in cui tutti desiderano tornare a quello che erano prima dell’emergenza sanitaria, secondo noi ora è impossibile, ora è il momento di fare qualcosa di diverso. Di utilizzare le energie per costruire il nuovo, per stupire, magari in maniera paradossalmente più semplice e di rinnovare la convivialità della tavola secondo nuovi canoni.” Questo l’intento degli chef, che, ancora una volta, hanno deciso di dare ampio spazio alla materia vegetale, con una selezione di ingredienti che per l’85% prevedono ortaggi e verdure. La semplicità dell’offerta non significa però che non ci sia una costruzione e uno studio approfondito delle pietanze: il piatto è complesso ma non si vede, si scopre, boccone dopo boccone.

Leave a Reply