Riduzione della plastica e Packaging sostenibile, i passi di Lipton e Nestle’ verso l’economia circolare

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Plastica

Le due aziende si muovono per ridurre, riutilizzare e riciclare gli imballaggi in plastica dedicando maggiore attenzione all’impatto ambientale

Il 96% degli imballaggi utilizzati da Nestlé per i prodotti realizzati in Italia è già riciclabile. Questo è uno dei principali punti emersi dal report Nestle’ Sustainable Packaging Commitment: road to 2025, pubblicato dal Gruppo Nestlé per fare il punto su progetti e strategie sviluppati a supporto della sostenibilità degli imballaggi, con particolare focus sull’Italia. L’importante risultato raggiunto nel nostro Paese è frutto dello straordinario lavoro dell’azienda e arriva a quasi tre anni dal lancio del programma internazionale che ha l’obiettivo di eliminare la plastica e rendere il 100% degli imballaggi dell’azienda riciclabili o riutilizzabili entro il 2025.

I quattro pilastri dell’impegno di Nestlé in Italia

Ricerca; riduzione, riuso e riciclo dei pack; collaborazione con realtà esterne; educazione di colleghi e consumatori.   Sono questi i pilastri su cui già da tempo Nestlé sta lavorando con una strategia a 360 gradi.

Il fulcro della strategia di Nestlé nel nostro Paese, come all’estero, ruota intorno  alla ricerca, finalizzata a sviluppare il packaging del futuro totalmente sostenibile, ma che garantisca, al contempo, la sicurezza e la qualità degli alimenti conservati. Inoltre, Nestlé sta lavorando anche per ridurre, riutilizzare e riciclare i packaging esistenti.

In tal senso ha già ottenuto un importante risultato: il 96% degli imballaggi prodotti in Italia, infatti, è già riciclabile (+1% rispetto al 2018). In particolare, nel nostro Paese Nestlé ha conseguito il 100% di riciclabilità per il cartone ondulato e il vetro, il 98% per la carta, l’87% per l’alluminio, il 90% per la  plastica rigida e l’80% per la plastica flessibile.

Il terzo pilastro strategico è la collaborazione con realtà esterne (accademie, partner commerciali, competitors, istituti di ricerca e consumatori) per studiare nuove soluzioni sostenibili per il packaging dei prodotti.

L’ultimo fattore su cui Nestlé vuole concentrare le proprie energie è l’educazione sia dei dipendenti sia dei consumatori. Tutte le sedi di Nestlé del mondo si sono impegnate a non utilizzare oggetti di plastica monouso non riciclabili. In Italia questo obiettivo è stato raggiunto già a fine 2019. Inoltre, tutti i colleghi del Gruppo sono periodicamente coinvolti in iniziative finalizzate a creare maggiore sensibilità ambientale (ad esempio, la raccolta di rifiuti sulle spiagge in occasione della Giornata Mondiale degli Oceani).

Lipton annuncia: -20 tonnellate di plastica con filtri e packaging eco

Sono miliardi i consumatori di tè nel mondo. Il tè è la bevanda analcolica più diffusa, seconda solo all’acqua. L’impatto che il suo consumo ha sul nostro pianeta è, quindi, particolarmente rilevante. Per questo, Lipton ha realizzato un imballaggio riciclabile per Lipton Yellow Label Tea e per le nuove referenze al tè nero aromatizzati alla frutta, che ha consentito la riduzione di oltre 20 tonnellate di plastica in Italia e permesso di introdurre nel mercato del nostro Paese oltre 270 milioni di filtri bio-degradabili e compostabili.

Di recente Lipton, infatti, ha ottenuto la certificazione di compostabilità del filtro da tè in carta e cotone (svolta presso i laboratori Chelab  srl): materiali che contribuiscono alla diminuzione di plastica nelle discariche, nei mari e nei fiumi, oltre ad aumentare la disponibilità di compost per un’agricoltura sostenibile. Sono in carta anche le bustine che racchiudono il filtro e la confezione.

Economia circolare, biodiversità e sostenibilità  

L’azienda è intervenuta anche sul benessere delle foreste, strettamente collegato alla produzione delle migliori foglie di tè, piantando oltre 1,3 milioni di alberi e ottenendo come risultato un incremento della biodiversità e delle risorse idriche.

In questo contesto, un esempio di economia circolare è rappresentato dall’utilizzo di alberi di eucalipto reimpiantati ogni volta che  questi vengono raccolti, da cui Lipton ricava la resina blu utilizzata per alimentare le caldaie che asciugano il tè, evitando quindi  l’utilizzo del diesel.

La sostenibilità non riguarda solo l’ambiente ma anche le persone che operano nella filiera: agricoltori e lavoratori nei luoghi di lavoro e lungo tutta la catena di approvvigionamento. Ma non è  finita qui: le iniziative per il riciclo dei rifiuti prevedono, in  Kenya, la trasformazione degli stessi in gioielli, con la conseguente creazione di lavoro ed opportunità per le donne. Agli agricoltori, inoltre, viene offerta la possibilità di accrescere le proprie competenze tecniche tramite specifici progetti locali di  educazione.

L’impegno futuro da parte di Lipton e Nestlé

Il nostro percorso non è compiuto – dicono Thomas  Hall, Unilever Tea Packaging Manager (Europe) e Kurush Bharucha Unilever, Global R&D Director – stiamo, infatti, lavorando per eliminare la plastica e introdurre il filtro compostabile su tutti i prodotti in portfolio. In Lipton la sostenibilità è una sfera che, oltre al packaging e al “fine vita” del prodotto, riguarda ogni ambito della  produzione e catena di fornitura: dall’approvvigionamento sostenibile  delle materie prima in linea con la Responsible Sourcing Policy, alla coltivazione e raccolta delle foglie da tè, fino alla tutela,  sicurezza e educazione degli agricoltori”.

Nel nostro Paese Nestlé sta lavorando con grande impegno e dedizione lungo tutti i cardini che costituiscono la base del piano strategico sviluppato per rendere i packaging dei nostri prodotti sempre più sostenibili. Questo nuovo e dettagliato, report ne è la conferma. Abbiamo, infatti, all’attivo progetti per ogni singolo pilastro del nostro programma e, inoltre, stiamo studiando altre importanti  innovazioni, ad ulteriore dimostrazione del ruolo-guida che Nestlé  intende svolgere per la gestione responsabile e sostenibile dei packaging”, ha commentato Marta Schiraldi, Sustainability Lead Italy&Malta  Gruppo Nestlé in Italia.

Lascia un commento