Parco Appio firma l’estate romana

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Parco Appio

Torna anche per l’estate 2021 l’esperienza gastronomica di Parco Appio. Dopo la stagione scorsa di successo e considerate le restrizioni covid il Parco romano di fronte alla fonte Egeria si mette il vestito migliore e divertente e promette un’estate en plein air dalle mille facce. In sintesi trattoria, pizzeria, griglieria, Natural Bar, che si traduce nei fritti e nelle pizze di Mirko Rizzo e Federico Feliziani, birre artigianali, mixology, colazione con la migliore pasticceria di Roma, pokè per le pause pranzo light e la cucina romana per quella più golosa e sostanziosa, la carne e per concludere un calendario di eventi realizzati in collaborazione con Tlon, (dpcm permettendo), che daranno vita ad un vero e proprio Festival targato Parco Appio, con concerti, spettacoli, presentazioni di libri e dischi, dj-set e talk. Insomma dalla colazione al dopo cena (sempre dpcm permettendo), Parco Appio regala la formula che mancava nella capitale, adatta a tutti, famiglie, bambini, vacanzieri, smartworker compresi, a chi ha voglia di normalità, di stare insieme agli altri e stare all’aria aperta e in sicurezza.

Restart

Anche questo 2021 sarà un anno particolare e proprio per questo Federico Feliziani, ideatore del format, ha voluto mettere a punto un programma per la stagione spring/summer che eleggesse Parco Appio a “il posto” di Roma. Si tratta di un restart totale, come lui stesso sottolinea: “ma non solo ripartire da dove avevamo lasciato l’estate scorsa, questo è ripartire per non fermarsi, rimettiamo in moto i sensi, la mente, il gusto e il piacere di ritrovarsi insieme”.

 Cosa c’è di bello a Parco Appio vi chiederete? Noi lo abbiamo provato anche quest’anno e possiamo dire che fin dall’entrata, dal viale illuminato dalla cascata di luci la sera o con il sole di giorno si respira la voglia di spensieratezza, la voglia di stare fuori all’aria aperta e di vivere ogni momento della giornata in piena normalità. A farti sentire a tuo agio e come in una grande famiglia o in un circolo di amici sono gli stessi ragazzi dello staff. Questa è la sensazione iniziale, a cui segue poi il divertimento del palato. E qui possiamo dire che il duo Rizzo-Feliziani si è impegnato riuscendo a mettere a menu una molteplicità di scelta che mette d’accordo tutti: carnivori, pizzalovers, fan dei fritti, vegani e vegetariani. E ora vi raccontiamo come.

Il Natural Bar

Si parte dal bar con il servizio bar/caffetteria e i lievitati per la colazione. Tanti, buoni e tutti speciali realizzati da pasticcerie e forni romani a rotazione (si parte per i primi 15 giorni con quelli di Casa Manfredi). All’ora di pranzo passa tutto nelle mani della chef sicula e vegetariana Antonella Giuffrè (scuola Bonci), che propone pokè bowl mediterranee: una cucina made in italy, con cous cous, fregola e molto altro, tutto healty.  A questi si affiancano i ‘panini del contadino’, con il pane che arriva fresco tutti i giorni dal Forno Feliziani di Prati e le ‘imbottiture’ provenienti da piccoli artigiani italiani selezionati con cura da Natural Born Drinkers. Per l’aperitivo anche questo rigorosamente ‘contadino’ con salumi e formaggi provenienti dalla selezione di Natural Born Drinkers.

Cosa si beve? Centrifughe, vini naturali e birre artigianali sempre by Natural Born Drinkers; il chiosco è anche cocktail bar, con una proposta mixology fino al dopocena. La grande novità è l’incursione giapponese di Umami nel weekend (sab/dom), quando il Natural Bar si trasforma nel pop-up della trattoria giapponese del quartiere San Giovanni con rolls, gyoza, sushi, bun al vapore ecc.

 

Parco Appio

L’Elementare Pizzeria

Come l’anno scorso, il must rimane la pizza bassa e scrocchiarella, quella tipica romana come Mirko Rizzo sa fare e ritorna con la pizzeria L’Elementare. Quest’anno c’è uno spazio più ampio con più coperti. La carta è identica a quella de L’Elementare Trastevere: stesse pizze e stessi fritti, stessa goduria da provare sul posto o a casa se si preferisce l’asporto.

Sui fritti si gioca duro pizze fritte classica, genovese e con mortadella, burrata e zeste di limone, da mangiarne in quantità; pasta fritta, come la lasagna e cacio e pepe, da definire peccaminose e poi i supplì, tanti supplì classici, filanti e ghiotti. Anche i vegetariani possono trovare la loro dimensione nel fritto di Mirko Rizzo con la polpetta che abbiamo assaggiato in un fuori menu chiamata “capra e cavoli” a base di cavoli e un saporitissimo formaggio di capra. Le Pizze? Dalla classica margherita, capricciosa e marinara alla fiori e alici o bufala e reggiano fino a quella chiamata Vacanze romane. Fanno tutto lo stesso effetto: belle da vedere, buone da mangiare, impasto ben idratato, materie prime di territorio selezionate e digeribilità garantita.

Parco Appio

L’Elementare Trattoria

Altra grande news di Parco Appio 2021 è la trattoria by L’Elementare. Menù classico da trattoria romana, le stesse materie prime utilizzate in pizzeria, cucina sincera, atmosfera da fraschetta. Dai fritti al dolce, caffè e ammazza caffè anche per un pranzo semplice e conviviale con familiari e amici. Taglieri abbondanti, manzo, salsiccia, hamburger alla griglia succulenti e da leccarsi i baffi, carne saporita e tenera e dalla cottura perfetta, primi piatti abbondanti e che onorano la tradizione.

Perché andare a parco Appio

Se quello fin qui descritto, new entry comprese, non vi ha convinto, un altro buon motivo è la location che si trova tra Appia Antica, Ardeatina, Parco della Caffarella e Appia Pignatelli, che vi dà la possibilità di lunghe passeggiate a piedi o in bici, le visite alle catacombe o un tour sull’Appia Antica se volete dedicarvi una giornata da turisti; il mercato di Campagna Amica nel weekend nel parcheggio di Parco Egeria, e poi per tutti i giorni sempre disponibili postazioni per lo smart-working con tavoli provvisti di prese elettriche per lavorare open air senza stress con laptop e tablet, tra il verde e gli uccellini, una birra o altro per stimolare la creatività.

E poi Parco Appio fa rima con sostenibilità: tutte le strutture sono realizzate con materiali di recupero fatti rivivere per l’occasione e pensate per un nuovo utilizzo dopo la chiusura del village. Ovviamente il verde è tutto “vero” e il progetto Parco Appio traccia dallo scorso anno un percorso di recupero delle aree verdi comunali, con l’obiettivo di riportare al centro l’importanza e la bellezza degli spazi all’area aperta da condividere.  Ultimo ma non meno importante, dopo essere stato a Parco Appio, vai via rilassato, felice e amico di tutti.

PARCO APPIO
via dell’Almone 105 – 0179 Roma
lun-dom – h 9.00 – 2.00
Facebook/Instagram: @parcoappio

Parco Appio

Lascia un commento