Kubla Khan, atmosfera jungle, food&mixology

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Influenze orientali e sudamericane e una Cocktail list emozionale sono gli ingredienti del mood di Kubla Khan, locale che punta su food&mixology nel quartiere Appio Latino a Roma.

Se pensate che il nome di questo locale prenda ispirazione dal celebre condottiero mongolo  siete completamente fuori strada. C’è una storia fatta di poesia dietro. Kubla Khan, anche conosciuto come “Visione in un sogno è un poemetto, mai completato, di Samuel Taylor Coleridge. Proprio alle visione indotte dall’oppio e poi concretizzate tra le righe di quest’opera del poeta Inglese i quattro amici e soci, Valerio Del Grosso, Matteo Roscani, Francesco Rosati e Andrea Malkam, si ispirano per dar vita lo scorso anno al Kubla Khan di Piazza Ponte Lungo a Roma.

La location

Atmosfera jungle, tanto legno che si alterna alle cromie dell’oro e del verde, luci basse e un bancone bar illuminato è quello che si apre alla vista appena varcata la porta. Così si presenta il loro luogo visionario, che parla di mondi lontani, di viaggi e naturalmente di buona cucina e drink, un locale dall’anima esotica, tropicale, etnica ed orientale.

Drink List firmata Kubla Khan

Mixology e cucina fusion sono i capisaldi di Kubla Khan, una combinazione che si traduce in un viaggio tra paesi, spezie e sapori. Una proposta gastronomica fusion-contemporanea e una cocktail list definita ‘Dream List’, firmata dai due giovani bartender Nicholas Pelliccioni ed Eleonora Balzano, e che punta sulla sfera emozionale.

Dodici miscelati che traducono e rappresentano l’anima visionaria del Kubla Khan. Ogni cocktail è ispirato ad un diverso luogo del mondo, e per ogni creazione è stato scelto un termine significativo di una lingua straniera, come nel caso del Man e del Ijirashi, che abbiamo assaggiato nella nostra degustazione. Il primo ci porta in India con una base di bourbon e liquore al bergamotto, torres spiced e sciroppo alla verbena, mentre con il secondo andiamo in Giappone a base di sakè e liquore al chinotto, cordiale al mandarinetto e mela verde, passion fruit. Entrambi con una tendenza dolce, strizzano l’occhio ai palati più delicati, ma la lista è lunga e andrebbe assaggiata tutta per dovere di cronaca se si vuole fare un viaggio completo nelle stanze del palazzo di Kubla.

La cucina Fusion

Come fanno notare i padroni di casa: “aperitivo, cena e dopocena rappresentano tre momenti solo apparentemente differenti, che in realtà spesso si fondono in un’unica esperienza che punta su un menu identitario: una cucina che guarda ad Oriente ed al Sudamerica per donare una nuova veste ai sapori nostrani”.

Dai Kubla Roll alle tartare di carne e di pesce, passando per la cevice de pescado e le crocchette sfiziosissime fino ai dessert tutti home made, il menu è variegato e trasversale, con un buon potenziale che potrebbe essere sfruttato ancora di più.

In ogni piatto troviamo elementi della tradizione italiana che si fonde con la cucina internazionale, come la le zucchine alla scapece insieme all’hummus di ceci o la parmigiana che diventa un Parmigiana Roll, uramaki di parmigiana con salsa al basilico, cremoso al parmigiano e melanzane affumicate. Molto particolari e da provare anche i roll con manzo, avocado e nocciole. Tutti pezzi originali e creativi, che forse faranno storcere il naso ai puristi del genere, che destano curiosità.

Interessanti e golose le crocchette di patate con jamon iberico e fonduta di pecorino. Abbiamo trovato interessanti anche la sezione del Raw Bar dedicata alle tartare, specialmente la versione con manzo, burrata, emulsione di basilico e pomodorini al forno e poi abbiamo apprezzato tra i vari assaggi fatti anche il salmone con zucchine in tempura e honey mustard. E per chiudere in dolcezza c’è anche una buona alternativa di dessert, pensati e creati da loro e che trovano un giusto connubio anche con i cocktail.

Musica e ospiti

Nel mondo di Kubla Khan non manca la musica e da questo autunno si promette un ricco programma tra Dj Set nel weekend (dalle 18 alle 22), e Guest prestigiosi il giovedì, sia del mondo del food che della mixology. Dall’aperitivo al dopocena, aperto tutti i giorni dalle 18 alle 2 di notte per chi ama sperimentare e vivere influenze orientali, provare un originale food pairing, Kubla Khan vi apre le sue porte come il palazzo nel sogno di Coleridge.

Leggi anche: NIO Cocktails: experience a domicilio

Lascia un commento