Curcuma: quel giallo che fa tendenza in cucina

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La curcuma è stata definita una dei super food più trend per il 2022, oltre ad affascinare per il suo colore aranciato e caldissimo, stupisce per la presenza di tante sostanze benefiche per il nostro organismo. Scopriamo insieme proprietà e suoi utilizzi.

Le spezie rappresentano forse l’ingrediente che non manca mai nella dispensa di un vero food lover e che, se in caso finissero, correrebbe a comprare per evitare di restare senza. Di recente la curcuma è stata definita una dei super food più trend per il 2022, oltre ad affascinare per il suo colore aranciato e caldissimo, stupisce per la presenza di tante sostanze benefiche per il nostro organismo.

Cos’è la curcuma e perché fa bene

Iniziamo col dire che, come lo zenzero, la curcuma è una radice che viene coltivata maggiormente nelle Indie, quella più utilizzata è derivata dalla specie Curcuma longa, detta anche zafferano delle Indie (o semplicemente indicata come curcuma). Il suo nome deriva dal Sanscrito “Kum-kuma”, ed è l’ingrediente principale del curry indiano.

La curcuma contiene una sostanza detta curcumina, che ha benefici antinfiammatori, vitamina C e altri antiossidanti. Gli agenti attivi presenti nella curcuma sembrano avere anche proprietà colagoghe (stimolanti la contrazione della colecisti), epatoprotettive e antisettiche. Grazie a queste proprietà, la curcuma potrebbe essere utile nei disturbi a carico del fegato, della mucosa gastrica e dei processi digestivi in genere, fungendo anche da stimolante dell’appetito.

Quali sono gli altri food trend del 2022? Scoprili qui

Come utilizzare la Curcuma in cucina

La curcuma, come già detto prima,  è nota anche come “zafferano d’India” per il colore simile, e anche per la possibilità di utilizzo nell’alimentazione quotidiana in molte preparazioni, esattamente come nel caso del “vero” zafferano.

Tutti i primi piatti si prestano molto bene all’unione con la curcuma. Le cipolle bianche tagliate molto sottili, stufate in padella e sfumate con poco vino bianco, completate con polvere di curcuma, pepe e un pizzico di sale, possono essere un condimento gustoso per gnocchi, pasta corta e riso.

Insieme ai piselli e a erbe aromatiche la curcuma può completare un piatto di cereali integrali come l’orzo, mentre con un pizzico di cardamomo, può essere inserita in una zuppa a base di legumi. può essere anche usata a fine cottura per insaporire il minestrone, i passati e le zuppe di verdure.

La curcuma viene utilizzata anche nei piatti di carne e di pesce. Il piatto classico è il pollo. Va stemperata in una tazza di brodo vegetale insieme a un pizzico di pepe nero e aggiunta man mano durante la cottura.

Può completare anche i dolci: il sapore corposo rende superfluo l’uso di zuccheri. In particolare, è indicata con la frutta, soprattutto con le mele. Sbucciarle e tagliarle a dadini e farle cuocere a fiamma bassa con poca acqua. Aggiungere quindi curcuma, pepe nero e cannella. È una ricetta appetitosa, con proprietà digestive e che può mangiare anche chi ha i valori elevati di colesterolo cattivo.

Lascia un commento