Umami compie un anno. La festa con lo chef Marco Claroni

Un mix di sapori tra il Giappone e il Mediterraneo per i festeggiamenti della trattoria japan style

Compie un anno la trattoria giapponese Umami, angolo romano dedicato alla cucina del Sol Levante, situato nel cuore del quartiere San Giovanni, dove wok e bacchette iniziano a roteare nella primavera del 2018, portando sulle tavole dei golosi di japan food le pietanze tipiche della regione del Kanto, che comprende Tokyo e Yokohama. Lo chef Giuseppe Milana, classe ’88, ha all’attivo un operoso passato variopinto dai colori delle tante cucine che lo hanno appassionato, nonché dalla forte vicinanza alla tradizione mediterranea, con un debole costante per la cultura asiatica e, come molti altri illustri colleghi, negli anni di servizio ha studiato e affinato le delicate tecniche di cottura giapponese che nel locale di Via Veio 25 si riscoprono perfettamente.

Per festeggiare al meglio la ricorrenza del primo compleanno, Umami ospita lo chef Marco Claroni, amico della trattoria e autore di una giovane quanto divertente cucina, nata all’Osteria dell’Orologio di Fiumicino. Un apposito menu studiato per la serata di festa di martedì 26 febbraio, mixerà il gusto del Giappone con la tradizione del Mediterrano.

Nato grazie alla volontà di Marco Pucciotti, Umami è un caso unico nel panorama gastronomico nazionale. Divenuto ormai un riferimento fisso nel quartiere, la trattoria accoglie gli avventori con la preparazione del direttore di sala Davide Frattali, che solerte illustra i piatti e l’infinita carta di sakè, shochu, té e superalcolici nipponici che impreziosiscono il locale. I noodles, realizzati dal pastificio Mauro Secondi da una ricetta dello chef Milana, sono decisamente uno dei piatti più ambiti del ristorante, dove vengono serviti rigorosamente con prodotti di stagione.

Non possono mancare di certo i bun, tipici paninetti morbidi ripieni di verdure o pulled pork, come non mancano gli yakitori, sfere di pastella con cuore di polpo. I tipici ravioli Gyoza, sono poi presentati con tre diversi ripieni, dal gambero, al maiale, fino a quelli alle verdure, un preludio perfetto da continuare con un grande classico come il ramen, realizzato anch’esso con primizie stagionali e servito secondo i gusti, con pollo, maiale, oppure verdure e tofu. Al termine del pasto, come fossimo protagonisti di un vero e proprio manga, non lasciatevi sfuggire i dorayaki o i mochi, assolutamente da provare se presenti come fuori menu.

Un vero e proprio viaggio enogastronomico nel lontano (ma mai così vicino) Sol Levante. Una vera e propria ode al Giappone ed alla sua cultura, offerta al pubblico con un rapporto qualità prezzo che non ha eguali, per provare il gusto della vera cucina nipponica. Perché il giapponese non è solo sushi, ma molto di più!

Menu di martedì 26 febbraio 2019

Bun con coppa di testa di ricciola
Sashimi di capasanta con sunomono e miso di sedano rapa
Gyoza di guance di tonno con il suo brodo al tosazu
Ramen di gambero
 Riso con coda di rospo kabayaki
Centrofolo al vapore, ostriche, rape e semi
Tataki di ricciola, umeshu, carota, zenzero e shiitake
 “Sorbetto”

€45 bevande escluse (Per prenotazioni: 06 5309 6313)
Link all’evento: Evento Facebook
Graphic designer: Alessandro Alimonti / Photographer: Alberto Blasetti

Leave a Reply